Il futuro dei servizi e della tutela dell’infanzia – Fondazione Zancan

fondazione zancan
È un numero speciale il n. 5-2012 della rivista “Studi Zancan”, perché interamente dedicato a un tema centrale quale la tutela dell’infanzia, tra passato e futuro. Questa edizione monografica propone i risultati della riflessione sul tema delle fondazioni Zancan e Paideia, insieme a un gruppo di professionisti e ricercatori.
Le più recenti ricerche sociali anche in ambito europeo mettono in luce come la famiglia sia al centro di grandi trasformazioni sociali, culturali e politiche. I nuclei familiari sono esposti a una maggior vulnerabilità e la linea di confine tra agio e disagio ha contorni sempre meno definiti. È infatti in aumento il numero delle famiglie che si rivolgono ai servizi sociali, educativi e sanitari.
I servizi per l’infanzia hanno attraversato, in questi decenni, diverse fasi, passando dalla lotta all’istituzionalizzazione a una faticosa ricerca di azioni innovative, in grado di offrire risposte ai problemi, con criteri e strumenti nuovi ed efficaci.
Negli ultimi venti anni la tutela dell’infanzia è passata in secondo piano nelle priorità politiche e nella riflessione, anche scientifica, pur continuando a rappresentare un nucleo di interesse, anche in ragione della crescente complessità delle fragilità familiari. Questa monografia ne è consapevole, evidenziando la necessità di riprendere un dibattito, dando spazio alla riflessione su nuovi e possibili investimenti, anche in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. Le priorità cui rispondere non sono poche: i criteri e le condizioni di valutazione del bisogno e del rischio e della presa in carico, le strategie di intervento utili ed efficaci nel contrastare la violenza, l’abuso e il maltrattamento, la gestione della continuità genitoriale, dopo la fase di separazione dei genitori, gli strumenti e le condizioni per fare valutazione di efficacia, come effettiva tutela dei diritti del “minore”.
Per consultare la rivista o per altre pubblicazioni della Fondazione Zancan, clicca qui.

Switch to our mobile site